Nuotatori, atleti cavie da laboratorio extraterrestri


Arrivo e tocco vincente di Phelps visto sotto l'acqua (www.videonuoto.com)

Arrivo e tocco vincente di Phelps visto sotto l'acqua (www.videonuoto.com)

Le prestazioni degli atleti olimpionici, nuotatori compresi, sono messe in dubbio dal blogger Jaffrey Freedman.

Freedman afferma che i successi di diversi atleti sono il frutto di una tecnologia extra-terrestre utilizzata da alcune nazioni a scapito di altre; lo scrive in un suo articolo pubblicato su TopSecretConspiracy.it e ripreso in questi giorni dal Corriere della Sera.

Extra-terrestri a parte, mi domando se chi ha scritto l’articolo abbia considerato l’eterogeneità della natura umana che determina l’inevitabile prevalere di alcuni soggetti nei confronti di altri. Lo sport è un’esaltazione di queste differenze.

Inoltre è da considerare che l’evoluzione tecnica ha fatto notevoli progressi in questi ultimi anni e i programmi di allenamento sono sempre più mirati.

Nella tecnica del nuoto troviamo l’esempio nell’evoluzione del gesto atletico del dorso, dove anni fa gli allenatori chiedevano di flettere le braccia nel recupero e mantenerle distese nella fase subacquea, mentre oggi avviene l’esatto contrario; nella ricerca tecnologica possiamo ricordare l’avvento dei costumi di nuova generazione, che hanno permesso a diversi atleti di abbattere record su record alle Olimpiadi di Pechino 2008.
[ Scarica il PDF della tabella dei record olimpici sino ad oggi ]

Cosa ne pensate? Sono graditi commenti…

Fonte: TopSecretConspiracy.it

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site