Nua Natua – Sestri Levante 2012


L'arrivo dei nuotatori (foto NC Sestri Levante)

Giovedì 19 Luglio nel mare di Genova si è svolto il Marathon Relay Educational NUA NATUA-SESTRI LEVANTE 2012, giunta alla quarta edizione consecutiva, dove un gruppo di nuotatori ha nuotato a staffetta lungo Vallegrande, Moneglia e Portobello.

Alla nuotata non hanno partecipato nomi di spessore ma è stata folta la presenza di un gruppo di master provenienti da La Spezia, alcuni dell’Emilia-Romagna e delle Marche, oltre ovviamente ai padroni di casa del Nuoto Club Sestri Levante. Importante la presenza e coinvolgimento di quattro giovani promesse del Chiavari Nuoto che hanno reso possibile un tempo record sul tracciato di 2 ore 5 minuti, risultato vanificato dal fatto che i 23 staffettisti hanno raggiunto solo la somma d’età di 997 anni invece dei 1000 richiesti dal regolamento.

La NUA NATUA-SESTRI LEVANTE 2012 è stata l’occasione per nuotare nelle bellezze di punta Baffe e punta Manara, per un totale di 9 chilometri dalla spiaggia di Nua Natua a Portobello di Sestri Levante, in mezzo a numerose e grandi meduse Rhizostoma Pulmo, le grandi meduse bianche inoffensive.

La manifestazione è stata etichettata “Educational” perché nell’occasione sono stati filmati i vari stili di ogni nuotatore, correggendo gli errori ed insegnando l’arte di andare dritti senza l’ausilio della corsia sul fondo tipica delle piscine. A fare da maestro è stato il lericino Federico Di Carlo, fresco vicecampione del mondo M65 ai recenti campionati di Riccione 2012 sui 3000 metri.

In prossimità dell’arrivo a circa 300 metri finali, tutti i 23 nuotatori si sono tuffati in acqua per toccare assieme terra. A cronometrare il tutto è stato il giudice FIN Antonella Gatto.

La manifestazione è stata organizzata dal Nuoto Club Sestri Levante e con la sapiente collaborazione della Lega Italiana Navale di Sestri Levante e del Circolo Nautico Lavagna, ma con l’intervento della “presidentessa” Titta Corte che ha dato la regia dell’evento a Franco Lo Cascio.

L’obiettivo principale era quello di vivere il mare in maniera alternativa alla competizione, trasmettendo a tutti la gioia di nuotare in mare, con ben altri stimoli dall’ottenere uno sterile punteggio. Il mondo delle gare in mare è cambiato ed ormai nessuno assapora più la gioia del vero contatto con le acque aperte. Anche se durante la nuotata non sono venuti a salutarci i delfini che giocano nelle acque del tratto di mare “natura nuda”, la soddisfazione era palese in tutti i partecipanti“, commenta Franco Lo Cascio a fine giornata.

NAL ringrazia Franco Lo Cascio per il contributo

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site