Muore Crippen alla 10K FINA negli Emirati Arabi


Il mare di Fujairah - Emirati Arabi Uniti (fonte holidayhotels.com)

Sabato 23 Ottobre a Fujairah (Emirati Arabi Uniti) è il giorno del tragico epilogo della stagione di Coppa del Mondo 10K FINA 2010, dove il maratoneta ventiseienne americano Francis Crippen è morto durante la gara.


Francis Crippen, che era secondo in classifica del circuito, si è sentito male presumibilmente a causa dell’alta temperatura dell’acqua che era abbondantemente sopra i 30 gradi.

Crippen aveva mostrato segni di rallentamento nel corso del terzo giro di gara su cinque in totale. All’arrivo i partecipanti si sono subito accorti dell’assenza dell’americano, si sono immediatamente precipitati di nuovo in acqua per cercarlo ed è stato trovato privo di vita dopo ca. tre ore, poco prima dell’ultima boa del percorso.

Questa era l’ultimo impegno della stagione per Crippen ed aveva programmato di fare subito dopo le vacanze in Italia.

Informazioni non ancora ufficiali comunicano che i risultati della gara dovrebbero venire annullati ma, qualunque decisione venga presa in merito dalla FINA le teste delle due classifiche rimangono invariate: tra le femmine si conferma la brasiliana Ana Marcela Cunha e tra i maschi il sudafricano Chad Ho.

Il mondo professionistico del nuoto in acque libere ha perso prematuramente un grande esponente di questa specialità che ha sicuramente lasciato il suo nome nella storia di questo sport. NAL si unisce al dolore di amici e familiari.

VIDEO MEDIA TELEVISIVO BRASILIANO

SERVIZIO DELLA NBC NIGHTLY NEWS

1 Commenti

  1. maurizio scrive:

    Due sentimenti contrastanti, ma forse nemmeno tanto, mi escono da questa triste storia.
    Il primo sentimento è di tristezza per la scomparsa di un giovane uomo, e la recente, perdita di un grande amico mi “aiuta” a capire questa disgrazia. Però c’è anche un secondo sentimento ed è proprio quello legato al pensiero “almeno è morto facendo ciò che amava”.
    In fondo in fondo, a tutti noi piacerebbe uscire di scena in questo modo facendo ciò che amiamo, però vi posso garantire che quando l’amico Filippo mi ha preso per un braccio e mi ha tenuto a galla quei pochi secondi necessari a consentire l’arrivo dei soccorsi nella mia testa non c’era proprio la gioia, si era una serena rassegnazione. Nessuna paura, quella è venuta dopo a mente fredda.
    Speriamo che questa disgrazia serva ad aumentare la sicurezza delle gare in mare, anche se alcuni amici fondisti dicono che troppe barche fanno perdere il gusto dell’avventura. Magari una barca in più in questo caso salvava una vita.

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site