Londra 2012: Oussama Mellouli vince la prova maschile ed entra nella storia


La partenza della prova maschile della 10k di Londra 2012 (foto timesunion.com)

A Londra Venerdì 10 Agosto è la seconda ed ultima giornata del nuoto in acque libere alle Olimpiadi di Londra 2012, dov’è programmata la prova maschile e con Valerio Cleri a rappresentare i colori azzurri tra i 25 atleti iscritti.
Il tunisino Oussama Mellouli vince ed è oro, argento il tedesco Thomas Lurz, bronzo il canadese Richard Weinberger. Valerio Cleri chiude in diciassettesima posizione lontano dai primi.

Come per quella femminile, la gara maschile si svolge al Serpentine Lake, nel centro di Londra, su un tracciato di 1,67 chilometri da percorrere sei volte e per un totale di 10 chilometri.
Il meteo favorevole e la giornata calda pone le condizioni ottimali per lo svolgimento della gara, che si presenta anch’essa molto tattica, dove i vantaggi nei passaggi alle boe di virata ed il cercare di restare il più possibile vicino al gruppo consentono di risparmiare energie essenziali da usare nella fase finale.

Sin dalla partenza il ritmo è intenso ed il gruppo già dopo 10 minuti si presenta allungato e meno compatto rispetto a quello della prova femminile del giorno prima. Il tunisino Oussama Mellouli conduce e detta il ritmo.
Al primo rifornimento dalla piattaforma, quasi nessuno degli atleti si ferma, tanto che alcuni sfrutteranno qualche frangente della gara per usufruire del rifornimento portato con se all’interno del costume.

Atleti in azione (foto morethanthegames.co.uk)

Alla fine del primo giro il gruppo si ricompatta, tanto che addirittura cinque atleti si ritrovano allineati in testa, per poi aprirsi creandone due che avanzano parallele.

Alla fine del secondo giro passa per primo il canadese Richard Weinberger, anche se gli altri seguono immediatamente.
Dopo i primi 45 minuti Mellouli si riporta in testa a fare il ritmo dopo un secondo giro rimasto nelle retrovie dei primi nuotatori. Il gruppo si riallunga e le distanze tra gli atleti aumentano anche se rimangono praticamente tutti a pochi secondi di distanza.

Alla fine del terzo giro è il tedesco Andreas Waschburger a passare per primo sotto l’arco dela rilevazione cronometrica, gli altri seguono ancora sgranati. Poco dopo la prima ora Waschburger, Mellouli e Weinberger iniziano ad aumentare il ritmo, con il tedesco a condurre.

Alla fine del quarto giro i primi tre sono sempre i medesimi, con Waschburger primo, secondo Weinberger davanti a Mellouli, con il tunisino a mantenere una frequenza di bracciata molto fluida ed inferiore agli altri, tanto da parere voglia controllare gli avversari. Valerio Cleri registra un ritardo di 17 secondi dai primi, in linea con la conduzione della gara sino ad ora ma, che deve necessariamente cambiare il ritmo se vuole giocarsi la possibilità di piazzarsi tra i primi.

Ad 1 ora e 20 minuti ca. di gara Mellouli conduce di nuovo, secondo Thomas Lurs, il secondo tedesco in gara, terzo Weinberger e quarto il greco Spyros Gianniotis. Al passaggio dalla piattaforma per il rifornimento i primi non si fermano ed allungano, creando un ritardo ulteriore di qualche secondo per chi invece segue ed ha programmato la sosta. Il vantaggio dei primi nei confronti degli inseguitori cresce sensibilmente di diverse lunghezze.

Da sinistra, Richard Weinberger ed Oussama Mellouli (foto thestar.com)

Alla fine del quinto giro ed inizio dell’ultimo, Mellouli è ancora al comando, con Cleri far parte di un secondo gruppo sempre più distaccato ed in ritardo dai primi: sono ben 49 i secondi di ritardo dell’italiano che ha la ventunesima posizione.
Il podio è oramai palesemente una questione tra quattro nuotatori, salvo particolari colpi di scena.
Il tunisino aumenta costantemente il ritmo ed a 1 ora 40 minuti ha già una decina di metri di vantaggio dagli altri tre che inseguono, un vantaggio che aumenta e si fa difficile da recuperare per gli avversari.

L’arrivo assegna la medaglia d’oro a Mellouli, che tocca il traguardo in 1h49m55s10 in un finale dispendioso determinato dalla fuga in solitaria nell’ultima parte del tracciato, ma che lo messo al sicuro da eventuali sprint finali testa a testa. Secondo ed argento è Lurz che conclude in 1h49m58s50, terzo e bronzo Weinberger col tempo di 1h50m00s30 e fuori dal podio arriva quarto Gianniotis col tempo di 1h50m05s30.
Valerio Cleri termina in diciassettesima posizione giungendo col tempo di 1h51m29s50.

Il ruggito del vittorioso tunisino Oussama Mellouli, diventando il primo nuotatore sul podio in piscina ed in acque libere alle Olimpiadi (foto olympics.edition.cnn.com)

Il successo di Oussama Mellouli di vincere a queste olimpiadi la medaglia di bronzo nei 1500 metri stile libero in vasca e la medaglia d’oro nella 10 chilometri nelle acque libere, segna un precedente storico mai conquistato prima da altri nuotatori.
Da ricordare che la presenza di Mellouli nei palcoscenici internazionali del nuoto in acque libere è recentissima, con all’attivo due gare: la vittoria alle qualificazioni olimpiche a Setubal dopo la sua prima apparizione a Cancun dove si è classificato undicesimo.

link internoLEGGI I RISULTATI FINALI ED I PARZIALI COMPLETI DELLA GARA

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site