Londra 2012: Eva Risztov vince la prova femminile. Grimaldi è bronzo


La partenza dei 10k di nuoto in acque libere femminile di Londra 2012 (foto olympics.edition.cnn.com)

A Londra Giovedì 9 Agosto è iniziata la due giorni del nuoto in acque libere alle Olimpiadi di Londra 2012, dove si è svolta la prova femminile con Martina Grimaldi tra le 25 atlete iscritte.
L’ungherese Eva Risztov è oro, argento per l’americana Haley Anderson, bronzo Martina Grimaldi, regalando all’Italia la prima medaglia nel nuoto.

La gara si svolge nel centro di Londra, nel Serpentine Lake, su un tracciato di 1,67 chilometri da percorrere sei volte e per un totale di 10 chilometri.
L’acqua del Serpentine è dolce e piatta, tanto da condizionare sulla carta le atlete ad una gara molto tattica ed attendista. Ottime le condizioni climatiche, dove il sole ed il caldo prendono il posto della pioggia che ha caratterizzato i giochi olimpici nei giorni precedenti.

L’avvio di gara è veloce con l’atleta ungherese Eva Risztov e l’inglese Keri-Anne Payne a dettare il ritmo di un gruppo che rimane molto compatto e dove l’azzurra Martina Grimaldi si mantiene tra le prime. Tra le atlete in acqua manca la cinese Yanqiao Fang che non si è presentata alla partenza.
Le atlete nuotano molto vicine le une alle altre tanto che non mancano i contatti tra loro, non meno i richiami od ammonizioni da parte dei giudici. La compattezza del gruppo comporta in qualche frangente l’affiancamento delle atlete, formando due teste della corsa che nuotano a qualche metro di distanza.

Al 20 minuti di gara l’australiana Melissa Gorman prende la testa del gruppo con una lunghezza di vantaggio, azione che dura solo pochi minuti e le atlete si ricompattano nuovamente. La gara viene condotta dall’australiana assieme a Risztov e Payne, mentre dal gruppo perde vistosamente metri la sudafricana Jessica Roux, che si ritirerà poco dopo metà gara.

A metà gara, coperti 5 chilometri dopo un’ora circa di nuoto, il gruppo delle prime è sempre il medesimo, con Risztov che detta il ritmo e con Grimaldi che si aggiunge a loro. Payne segue senza prendere iniziative significative, contrariamente a quanto in genere è la sua condizione tattica.

A 7,5 chilometri di gara il gruppo non è più compatto ma si allunga, causa il progressivo aumento della velocità della nuotata della Risztov che conduce sempre in testa, subito dietro Grimaldi ricuce eventuali vuoti mentre Payne, la tedesca Angela Maurer e l’americana Haley Anderson inseguono. La brasiliana Poliana Okimoto esce di scena e si ritira.

All’inizio dell’ultimo giro, a circa 1h40m ca. di gara, in testa c’è sempre Risztov, Grimaldi subito dietro a tallonarla, mentre leggermente più attardate di una lunghezza seguono Maurer, Payne ed Anderson. Dietro le altre atlete che hanno distacchi maggiori. La lotta al podio si delinea essere tra le 5 nuotatrici.

Ad un chilometro dalla fine, Risztov aumenta ancora il ritmo e si avvantaggia di 3 lunghezze sul gruppetto di testa che insegue compatto. All’ultimo passaggio dal pontile predisposto per il rifornimento nessuna di loro si ferma, vista l’importanza di rimanere in scia e la poca importanza di un ulteriore reintegro.

Ad 1h55m il gruppetto inseguitore con a comando Grimaldi prende una linea diversa ma parallela a quella di Risztov, che perde sensibilmente il vantaggio acquisito sino a questo momento.
Nell’imbuto dell’arrivo Anderson accelera, passa Grimaldi e quasi raggiunge Risztov che non molla e tocca per prima il traguardo vincendo l’oro col tempo di 1h57m38s20, seconda e medaglia d’argento Anderson a 0,4 secondi di ritardo (1h57m38s60), mentre chiude in terza posizione ed è medaglia di bronzo l’azzurra Grimaldi a 3,6 secondi dalla vincitrice ( 1h57m41s80).
Quarta è Payne che giunge subito dietro col tempo di 1h57m42s20, mentre Maurer è l’ultima del gruppetto di testa e tocca il traguardo in quinta posizione in 1h57m52s80.

Martina Grimaldi, bmedaglia di bronzo, manda un bacio subito dopo all'arrivo (foto olympics.edition.cnn.com)


Raggiunta dopo l’arrivo Grimaldi commenta: “Sono contentissima del risultato. Alla fine non ne avevo più ma dovevo arrivare almeno terza! Spero di aver regalato emozioni a tutti, ci speravo e sono felice.

Fabio Cuzzani, allenatore di Martina Grimaldi commenta soddisfatto del risultato finale ed afferma “Spero che questo successo possa essere un qualcosa di importante per il movimento italiano.”

link internoLEGGI I RISULTATI FINALI ED I PARZIALI COMPLETI DELLA GARA

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site