Il Naviglio Grande riscopre la sua storia dopo 117 anni


Partenza della Gran Fondo del Naviglio Grande (foto Diego Novella)

Domenica 15 luglio 2012, si è svolta la Gran Fondo del Naviglio Grande, gara a nuoto di 18 chilometri con partenza da Castelletto di Abbiategrasso ed arrivo a Milano davanti alla Canottieri Olona. La gara è stata organizzata da Canottieri Olona e da Fondazione per la promozione dell’Abbiatense, in collaborazione con Navigli lombardi, per rievocare la gara che si tenne con lo stesso percorso nel 1895, ben 117 anni fa.

Ritrovo a Castelletto di Abbiategrasso alle 8,15 per il disbrigo delle ultime formalità, segue il breefing dell’organizzazione con indicazioni in merito ai due punti di ristoro predisposti lungo il percorso. Assistenza garantita da volontari, vigili del fuoco e gruppo sommozzatori della protezione civile.
La partenza è alle 09.45 circa, col Sindaco Di Abbiategrasso a dare il via alla manifestazione che era caduta nel dimenticatoio. Molti gli spettatori incuriositi che hanno seguito l’evento, incoraggiando ed applaudendo i nuotatori.

In acqua ci sono 27 atleti, 24 maschi e 3 femmine, provenienti da tutta Italia, che hanno nuotato con corrente a favore lungo i Navigli ed attraversando i paesi di Gaggiano, Trezzano sul Naviglio e Corsico, fino a Milano in Via Alzaia Naviglio Grande davanti alla Canottieri Olona.

L’atleta più giovane ha appena 18 anni ed il più avanti con l’età è un settantenne in forma, che ha concluso il percorso con successo. Quasi tutti gli atleti hanno completato il percorso al disotto del miglior tempo ottenuto nel 1895 dal vincitore belga … che giunse in 3h19m; in ben 17 atleti hanno percorso la distanza sotto le tre ore.

La vittoria è andata al giovane Andrea Ferrari della Derthona Nuoto, che ha concluso in 2h28m50s, al secondo posto Diego Novella portacolori della Nuova Canottieri Olona, giunto in 2h29m50s, terza classificata Erica Audasso della Rane Rosse col tempo di 2h34m13s.

Antonio Monteduro, parte dello staff organizzatore della manifestazione ha commentato: “Tutto come una volta, nuotando diciotto chilometri a favore di corrente lungo i Navigli. E’ stata una festa amarcord per tanti che ha visto vincitori per primi gli organizzatori.
L’occasione ha attirato un pubblico tipico delle grandi occasioni e l’entusiasmo dei tanti, tantissimi che hanno assistito e partecipato all’evento ha dimostrato, qualora ce ne fosse stato bisogno, lo straordinario successo della manifestazione.
A nome dell’organizzazione posso sicuramente affermare che siamo soddisfatti per la buona riuscita dell’evento e ci auguriamo che questo evento possa dalla prossima edizione rifermarsi e diventare una classica
“.

NAL ringrazia Antonio Monteduro e Diego Novella per il contributo.

link internoLEGGI I RISULTATI COMPLETI DELLA MANIFESTAZIONE

1 Commenti

  1. Diego Novella scrive:

    E un’altra nuotata è fatta! Domenica 15 luglio ho avuto l’onore di partecipare al trofeo Naviglio Grande 2012….una spettacolare riedizione di una gara che non si svolgeva più da un centinaio di anni, in uno dei navigli più belli in assoluto, una via di comunicazione che fino a pochi anni fa era ancora utilizzata per il trasporto della sabbia a Milano. Sono le 08,00, il mio fedele canoista Fabio ed io arriviamo a Castelletto di Abbiategrasso dove ho appuntamento con Antonio Monteduro, organizzatore dell’evento. Sono curioso di vedere chi, oltre a me….si butterà nel Naviglio. Subito trovo il grande Giorgio Vanerio….amico e compagno di tantissimi kilometri nel Lago. Lui è accompagnato da moglie e allenatrice, lo seguiranno rigorosamente in bicicletta. Incontro anche Andrea Fioresino…che non vedo più dalla Traverlonga. Ci sono anche Daniele Salamone e gli altri del Trofeo di Ghiaccio (ma questa è un’altra storia). A Castelletto di Abbiategrasso la corrente fila via veloce, e spero che anche più in giù la corrente si faccia sentire e mi dia una mano, la strada è lunga. Dopo le foto di rito con il Sindaco di Abbiategrasso, podista con un ammirevole trascorso anche di corse in montagna, ci viene dato il via! E’ impressionante la velocità con cui, nuotando, andiamo verso Milano, è tranquillizzante la limpidezza delle acque. Mentre cerco di disimpegnarmi dal gruppo, mi accorgo che Sara e Simone sono riusciti a raggiungere il campo gara, ed anche loro in bicicletta, mi accompagnano!! Il Team è al completo…o quasi, dato che Daniela…che mi spinge a fare queste cose….è a casa reduce da un menisco+legamenti. Bracciata dopo bracciata, vedo scorrere il bordo del naviglio a velocità impressionante (ho anche sorpassato qualcuno che correva….piano), vedo avvicinarsi i tanti ponti, dove qualche curioso si ferma a vedere l’insolito spettacolo….gente che nuota nel naviglio….uno spettacolo di altri tempi!!! Quando si arriva in qualche paese ci si trova intorno molti spettatori e curiosi che applaudono ed incitano……ai bordi di quella che oggi è la nostra lunghissima piscina!! I kilometri aumentano, la fatica cresce, i paesaggi scorrono veloci, la campagna lascia il posto ad un paesaggio decisamente metropolitano. Circa al 14 esimo kilometro vengo affiancato da uno dei nuotatori che era partito con me…e la prima cosa che mi viene in mente è: allora non è uno scherzo…non sono da solo!!!! Facciamo un po di tira-molla…vai tu, no vado io, si vorrei andare io ma le braccia non vogliono…e per educazione le rispetto…ecc…ed intanto sono da poco passate le 2 ore di nuotata. Oramai siamo a Milano…oltre a Fabio in canoa, Sara (che da brava nuotatrice è pentita di non avermi dato retta nel fare la gara), e continua dirmi di spicciarmi, Simone che continua scattare foto, vedo sempre più gente. Conosco bene il Naviglio e ho qualche riferimento, sono già “sceso” dal Lago Maggiore un paio di volte in barca a remi per rievocare il trasporto dei blocchi di marmo per il Duomo. Guardo aventi e scorgo il ponte di San Cristoforo, l’arrivo è qualche metro prima!!! La stanchezza lascia il posto ad una enorme emozione…c’è l’ho fatta!!! Passo davanti alla Canottieri Milano….e faccio il pezzo di Naviglio del Trofeo di Ghiaccio fino alla Canottieri Olona…una volta tanto con l’acqua più calda dei soliti 5 gradi…..e con la testa volo un attimo a gennaio per decidere se fare ancora un bagno freddo o no! In mezzo ad un sacco di gente mi aggrappo al pontile….e con le ultime forze mi arrampico ed esco. E’ tempo dei crampi alle gambe…si erano già proposti….ma ero riuscito a tenerli a bada…ma ora….chissenefrega! Bellissimo l’abbraccio del pubblico (chissà i veri campioni se riescono a farci l’abitudine???), vorrei abbracciare tutti, mi vengono le lacrime, abbraccio e mi complimento con Andrea Ferrari che mi ha preceduto, cerco Sara e Simone e mi commuovo, arriva anche Fabio e qualche lacrima di scende….incrocio anche Silvia, moglie di Giorgio Vanerio che mi avverte che Giorgio sta arrivando…e dopo 18 kilometri sta sprintando con la prima donna, Erika Audasso. Andiamo ad accoglierli, abbracci per tutti!!!! Guardo il mio GPS….e segna 19 kilometri!!! L’emozione che ho provato per tutta la nuotata, all’arrivo e che provo ancora ogni volta che ci ripenso….è enorme!!! Un po mi vergono…avere gli occhi lucidi ogni volta che ci penso…mi fa sentire un po ridicolo…ma non ci posso fare nulla. Ringrazio tutti, la Canottieri Olona che mi ha voluto come porta colori, Antonio Monteduro che non ha mai perso la pazienza nonostante le mie telefonate e mail per avere notizie sull’evento, tutto lo staff della Canottieri Olona che orami conosco bene, l’instancabile Fabio che mi segue sempre in canoa, Sara e Simone che non avendo nulla di meglio da fare, si sono fatti una pedalata intorno al Naviglio Grande, Daniela che mi spinge a fare queste cose. Ogni volta che nuoto per più di 10 kilometri mi dico che è l’ultima volta…ma poi ci ricasco…..e per tradizione…non so se rifarò il Trofeo Naviglio Grande…..ma consiglio vivamente a chi fa nuoto di fondo di provare a farla…le emozioni sono davvero incredibili!!!!! Buon divertimento a tutti!!!

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site