Il costo energetico nel nuoto – PARTE 1


Atleti in azione (foto morethanthegames.co.uk)

Nell’attività sportiva il costo energetico determina il grado di prestazione dell’atleta.
Scientificamente, il costo energetico è il risultato della quantità d’energia necessaria per percorrere una distanza e viene calcolato dal rapporto tra la potenza metabolica (kW) e la velocità di progressione (m/s):
Costo energetico (C) = Potenza metabolica (E’) : Velocità di progressione (V)


Non considerando l’energia metabolica (E’), la prestazione viene determinata dal livello d’economicità del gesto atletico ed a pari velocità (V) il costo energetico (C) è caratterizzato dallo stile di nuotata, dal livello della tecnica del gesto atletico, dall’assetto idrodinamico, dal sesso e dall’età del nuotatore.

Costo energetico e stili di nuotata
Ingvar Holmer mostra negli anni ’70 che lo stile più economico tra nuotatori professionisti è lo stile libero, seguito da dorso, rana e delfino.
Questo ordine è diverso per chi ha capacità tecniche natatorie inferiori, dove la rana è lo stile con capacità di dispendio energetico inferiore, seguito da stile, dorso e delfino.
Il motivo può trovare risposta nel fatto che lo stile rana è il più naturale e semplice da eseguire.

Costo energetico e la tecnica di nuotata
La migliore tecnica natatoria consente di raggiungere velocità maggiori in condizioni uguali di consumo metabolico in un tempo definito.

I nuotatori professionisti hanno una tecnica natatoria migliore rispetto ad atleti di livello inferiore od a persone sedentarie, tanto che a pari velocità il costo energetico in un nuotatore professionista (Pro) è decisamente inferiore ad un atleta di livello inferiore.
I dati dimostrano che la differenza del costo energetico è del 20-40% tra nuotatori Pro e nuotatori di livello medio-alto, mentre raggiunge il 50% tra nuotarori Pro e nuotatori di livello medio.


Figura 1: Costo energetico di divversi stili di nuoto in un gruppo di nuotatori di livello internazionale.
crawl / o rana / v dorso / ʌ delfino
Figura 2: Costo energetico dello stile libero in funione della velocità in soggetti di diverso livello tecnico. soggetti sedentari / o soggetti allenati / ʌ atleti d’élite

La differenza del costo energetico tra i nuotatori di vario livello è associabile alla diversa capacità propulsiva, che è direttamente proporzionale alla qualità tecnica della nuotata.
Un aspetto che distingue la migliore tecnica di nuotata degli atleti professionisti rispetto agli altri nuotatori è la maggiore qualità e quantità degli allenamenti, dove nei primi vengono curati maggiormente aspetti come bracciata, rollio, coordinazione braccia-gambe, sensibilità e di conseguenza anche scivolamento.

La seconda parte dell’articolo sarà pubblicata la prossima settimana. Per non perdere le news di NAL iscriviti alla newsletter gratuita.

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site