FINA: Costumi, ritorno al passato


Atleti sul il bagnasciuga prima della gara (foto FINA.org)

Atleti sul il bagnasciuga prima della gara (foto FINA.org)

Il neo-Presidente FINA Julio Maglionela comunica il ritorno ai costumi in tessuto. Con il nuovo provvedimento, approvato da 168 federazioni associate contro solo 7 a sfavore, dal 2010 i costumi di nuova generazione saranno quindi vietati.


Le regole sono ancora da definire ma il provvedimento FINA prevede che:
- gli uomini possono essere ricoperti dalla vita alle ginocchia, mentre le donne dal collo in giù non oltre le ginocchia e con braccia e spalle scoperte;
- il costume deve essere realizzato in tessuto, dove un’apposita commissione tecnico-scientifica ne permette il controllo e la validazione;
- qualsiasi materiale aggiunto sulla superficie del tessuto (esempio rivestimento, stampa, impregnante) non deve occludere le aperture create dalla trama del tessuto di base;
- il materiale dovrà essere flessibile e facile da piegare;
- il materiale dovrà essere piano e regolare, non possono essere aggiunte applicazioni esterne al materiale;
- differenti materiali possono essere utilizzati in un costume purché siano tessuti conformi agli altri criteri compresi lo spessore e la permeabiltà;
- il materiale usato dovrà avere uno spessore massimo di 0.8 mm;
- il costume non dovrà avere un effetto di galleggiabilità superiore a 0.5 newton misurati dopo l’applicazione del vuoto;
- i materiali usati dovranno avere in qualunque punto un valore di permeabilità di più di 80 litri per metro quadro per secondo (misurati su materiali stirati del 25% multidirezionalmente);
- la chiusura lampo od altro sistema di chiusura non è permesso e le giunture saranno limitate ai sistemi funzionali, non permettendo di creare forme esterne;
- i costumi che includano un qualsiasi sistema che stimoli od influenzi la prestazione (esempio la riduzione del dolore, il rilascio di sostanze mediche o chimiche, l’elettrostimolazione, ecc.) sono proibiti;
- i nuotatori non potranno effettuare alcuna modifica o variazione al costume;
- non si può utilizzare più di un costume alla volta;
- i costumi utilizzati devono essere quelli convalidati e non è consentita alcuna modifica prima dell’uso (compresa l’impregnazione);
- in futuro l’approvazione dei costumi dovrà essere eseguta almeno 12 mesi prima del successivo evento fra Campionato del Mondo FINA (50m) e / o Giochi Olimpici.
- i produttori avranno la responsabilità di renedere tali modelli disponibili sul mercato (disponibili alla vendita a Federazioni ed atleti) almeno sei mesi prima del successivo evento fra Campionato del Mondo FINA e/o Giochi Olimpici.

Le nuove regole entrano in vigore dal primo Gennaio 2010 ma dovrebbero slittare ad Aprile o Maggio, consentendo alle aziende produttrici di organizzarsi in tempo.

La scelta soddifa sicuramente le posizioni di diversi professionisti, tra i quali Bob Bowman che aveva minacciato il ritiro di Michael Phelps da ogni competizione in protesta delle norme ancora da attuare.

LEGGI IL DOCUMENTO COMUNICATO INTEGRALE DELLA FINA

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site