Circuito Elite 2009: lettera di Franco Lo Cascio


Pubblichiamo la lettera di Franco Lo Cascio in merito al Circuito Elite e all’iniziativa dello sprint di mezzo fondo a Follonica.


Come inventore del Circuito Elite rispondo al commento di Valentina e cerco di delucidare il perché di questo circuito.

L’idea nasce per permettere agli atleti master più “bravi”, come ad esempio Massimo Milano, Maurizio Morini e così via, di confrontarsi tra loro in scontri diretti e stimolati anche da un criterio di punteggio realizzato da Giovanni Bazzolo per me molto coerente. Idea che permetterebbe di lasciare più spazio ai master “meno competitivi” ed mergere nel campionato tradizionale.

Sta di fatto che nessuno si è iscritto e penso che pochi abbiano compreso l’idea di base del Circuito Elite.
Certo, forse non siamo stati bravi a promozionarlo, con probabilità siamo arrivati lunghi con i tempi ed i Mondiali di Roma 09 ci hanno sopraffatti.

Se l’idea di questo Circuito sia un flop e se debba essere bocciato sta a voi master dirlo e dare semmai l’impulso di riproporlo anche il prossimo anno.

Oggi, alla luce dei risultati sportivi e della chiarezza del regolamento, proporrei a Massimo Milano, fresco vincitore a Follonica, il compito di estrapolare i vincitori Elite 2009 dalle gare previste in calendario.

Colgo l’occasione per esprimere la soddisfazione di un’altra idea concretizzata come il Campionato mezzo fondo sprint di Follonica, che ha riscosso un buon successo anche se i numeri poteveno essere più interessanti.
L’idea di questo evento nasce dall’interesse di poter avvicinare al nuoto in mare coloro che hanno paura della distanza, dato che non tutti hanno la possibilità e la preparazione per affrontare distanze anche di mezzo fondo riconosciute dalla Federazione..

Il Circuito Elite ed il Campionato Italiano mezzo fondo sprint saranno sì mie idee vulcaniche ma che necessitano un confronto. Ditemi la vostra, anche perché non mi arrabbio mai :P

E ricordate: se a Fidenza è già inverno sul Tirreno si nuota fino a Novembre.
Ciao ragazzi…io scrivo sempre semiserio…ma sono fatto così!

Frank (Franco Lo Cascio)… now… the slow swimmer

3 Commenti

  1. maurizio scrive:

    Penso che il circuito Elite debba essere ancora “capito” da parte degli atleti e meglio promozionato da parte degli organizzatori.
    Ho sentito che alcuni avrebbero voluto aderire ma non ci sono riusciti e personalmente credo siano da inserire alcune gare in più per garantire a chi vuole partecipare la possibiltà di organizzarsi.
    Mi spiego, se ci sono solo 5/6 gare in programma e devo farne 4 per entrare in classifica finale, ci pensero bene prima di iscrivermi perché può capitare che magari rischio per vari motivi ad andare solo a gare.
    Se invece le gare elite sono 8/9 chi vi partecipa ha più possibiltà di concorrere alla classifica finale, anche se questo va a discapito della sicurezza di incontrare i pari categoria di altre zone italiane.
    Per il Campionato Sprint ho la certezza che purtroppo i tempi brevi tra la decisione di fare questa gara e la gara stessa non abbiamo consentito d’avere numeri più alti. Se il prossimo anno lo si comunica per tempo sono sicuro del successo di una manifestazine come questa.
    Saluti da Fidenza , in pieno autunno ;)

  2. leonardo scrive:

    Condivido quanto detto da Lo Cascio sulla buona riuscita del Campionato Italiano Sprint e sulle potenzialità che può avere questa gara nelle prossime stagioni.
    Per quanto riguarda il Circuito Elite ho invece piu di un dubbio. Dividere la categoria di “quelli forti” da quelli che vanno piu piano non mi sembra in linea con la filosofia delle gare master in acque libere.
    A mio avviso è molto piu stimolante (per un nuotatore che frequenta il circuito), confrontarsi direttamente con chi va piu forte e magari verificare i propri progressi, sia in acqua sia in classifica. E poi c’è già una differenziazione basata sull’età….
    Per quanto riguarda le gare di Novembre di cui parla Lo Cascio (credo si riferisca al Circuito Acque Fredde) e consiglierei per quanto possibile una maggiore diffusione di informazioni sui siti dedicati.
    Leonardo (Polisportiva Amatori Prato)

    P.S. – Nessuno sà qualcosa della classifica definitiva a squadre di fondo e mezzofondo? E poi, da quello che c’è scritto nel regolamento, le classifiche non dovevano essere differenziate?

  3. Vittorio scrive:

    La distanza sprint va assolutamente rinnovata e messa in calendario per tempo perchè consente a molti master di provare la gara in mare su una distanza “abbordabile” e che non spaventa come 3000 e 5000 metri.

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site