Budapest 2010: la squadra italiana di conferma la migliore di sempre


Delegazione della Nazionale Italiana agli Europei di Budapest 2010 (foto Roberto Odaldi)

L’avventura azzurra del nuoto in acque libere agli Europei di Budapest 2010 si chiude con una stagione strabiliante per la nazionale del Italfondo, confermando quanto il Commissario Tecnico Massimo Giuliani afferma dicendo che questa è la “squadra italiana più forte di tutti i tempi.”


In poche settimane si sono disputati i Campionati del Mondo di Roberval 2010 ed i Campionati Europei di Budapest 2010, in entrambe le manifestazioni la selezione azzurra ha dimostrato l’alto livello del nuoto italiano, aggiudicandosi la classifica a squadre.

Un risultato che lo stesso Giuliani nasce grazie all’unificazione dei metodi di allenamento unito al fatto che si sono mantenuti costantemente i contatti con i tecnici locali, aumentato i carichi di lavoro e fatto disputare più gare internazionali agli atleti.
Inoltre, esiste un continuo monitoraggio dei talenti giovanili, dove attraverso i campionati italiani giovanili in primavera sulle distanze dei 3 e dei 5 chilometri si possono verificare quali possono essere le giovani promesse.
Questo è di certo uno stimolo per tutti a far bene anche nel periodo invernale e non solo in estate nelle acque libere.

Marco Bonifazi, Coordinatore della Nazionale Italiana di Nuoto, afferma che “il bilancio complessivo è soddisfacente, perché da questi campionati europei cercavamo risposte sul lavoro svolto e indicazioni in vista dei Mondiali di Shangai e soprattutto delle Olimpiadi di Londra, obiettivi delle prossime due stagioni. Il nuoto in acque libere, dopo il titolo mondiale conquistato a Montreal, si è confermato vincendo la classifica per Nazioni anche a Budapest in condizioni ambientali totalmente differenti, dimostrando poliedricità e capacità di finalizzazione. Abbiamo ricevuto ottimi riscontri nelle dieci chilometri olimpiche con le medaglie di Valerio Cleri, Martina Grimaldi e Giorgia Consiglio e da tutto il resto del gruppo nel quale stanno crescendo anche le seconde linee.”

La gestione del cambio generazionale è tra gli obiettivi della Federazione, infatti Bonifazi sottolinea che gli appuntamenti come quelli di Budapest sono anche occasioni per “favorire il confronto costruttivo tra atleti e tecnici e alimentare l’esperienza internazionale dei giovani.” (fonte Federnuto.it)

MEDAGLIERE EUROPEI DI BUDAPEST 2010
1. ITALIA, 8 medaglie (2 oro, 4 argenti, 2 bronzi)
2. GRECIA, 4 medaglie (1 oro, 1 argento, 2 bronzi)
3. RUSSIA, 3 medaglie (1 oro, 0 argenti, 2 bronzi)
4. GERMANIA, 3 medaglie (1 oro, 1 argento, 1 bronzo)
5. OLANDA, 1 medaglie (1 oro, 0 argenti, 0 bronzi)
5. UCRAINA, 1 medaglie (1 oro, 0 argenti, 0 bronzi)
7. FRANCIA, 2 medaglie (0 oro, 1 argento, 1 bronzo)

MEDAGLIERE ITALIANO AGLI EUROPEI DI BUDAPEST 2010

ORI
Luca Ferretti, 5 Km a cronometro
Valerio Cleri, 25 Km

ARGENTI
Valerio Cleri, 10 Km
Simone Ercoli, 5 Km a cronometro
Giorgia Consiglio, 10 Km
Rachele Bruni, Simone Ercoli e Simone Ruffini, 5 Km a squadre

BRONZI
Simone Ruffini, 5 Km a cronometro
Martina Grimaldi, 25 Km

Lascia un commento

Chiusa la Fanzine NAL

12 Aprile 2013 -

LA FANZINE NAL CHIUDE DEFINITIVAMENTE!


Dopo aver provato anche la via delle sottoscrizioni ed aver costatato che non vi sono i numeri per far sopravvivere la fanzine, NAL decide di chiuderla definitivamente.

Parte dei contenuti e delle aree tematiche proseguiranno ad esistere sul sito della società sportiva e consultabile solo per coloro che sono iscritti.

A nome dell'intero Staff ringrazio coloro che ci hanno appoggiato, seguito, criticato, dato spunti per migliorare e per provare a credere ad un progetto che valorizzi il movimento del nuoto in acque libere, a volte poco considerato da chi invece dovrebbe migliorarne il posizionamento e la notorietà.

Un arrivederci nelle acque della nostra penisola. Buon nuoto!

Alessandro Pilati
Presidente NAL





FOCUS Meteo Meduse





Switch to our mobile site